Abito


Riconoscerete l‘abito giusto appena indossato: se non scatta la scintilla vuol dire che non l’avete ancora trovato!

Non stiamo a darvi consigli in merito a colori e forme perché la scelta è vostra e in atelier vi seguiranno per tutti i particolari che renderanno perfetto l’abito, come accessori, velo, misure, etc..
Cercate qualcosa di adatto alla stagione, sfogliate qualche rivista per farvi un’idea e poi affidatevi alla persona che vi seguirà al momento dell’acquisto!
Non fatevi problemi a fare loro domande… Quando avrete indossato il vostro abito, ve lo sentirete!

I prezzi

I prezzi sono molto variabili, dipendono dalle griffe, dal tessuto, dagli accessori e dal modello.
In media però oscillano da 1.000-1.500 euro (Max Mara linea sposa) passando per la fascia 3.000-4.000 euro (Spose di Gió, Acquachiara, Claraluna e Pronovias) fino a 6.000 – 10.000 euro per gli abiti firmati (Lorenzo Riva, Luisa Beccaria, Vera Wang, Valentino, Alberta Ferretti) compresi di accessori e scarpe.

Con chi andare

L’idea di farsi accompagnare a cercare l’abito da amiche e parenti è ottima se avete molto tempo e siete disposte a ascoltare tanti pareri differenti. La soluzione migliore è quella di andare con vostra madre e l’amica del cuore, ma informatevi prima perchè alcuni atelier impongono regole ferree sugli accompagnatori ammessi.

Il velo

Il velo da sposa conferisce un tocco di romanticismo. Può piacere o meno, l’importante è che sia perfettamente intonato all’abito!

Se avete un velo di famiglia che volete assolutamente utilizzare, vi consigliamo di portarlo alle prove dell’abito, perché alcune sue caratteristiche potrebbero vincolare la vostra scelta. Se scegliete di comprarlo ex novo, ricordatevi che il velo non deve costituire un elemento di impaccio e che va seguita la “regola del contrario”: se il vestito è in pizzo, il velo non lo sarà, se il vestito non è in pizzo, il velo lo sarà, per evitare di appesantire il tutto.

Fatevi in ogni caso guidare al momento della scelta dell’abito: atelier e negozi sono ferratissimi sull’argomento, oltre a potervi offrire e farvi provare una serie di soluzioni differenti.

Il bouquet

Trovate il giusto mix tra gusto personale e consigli del fiorista. Anche il bouquet segue le sue mode, tra colori, tipo di fiori, fiore unico oppure mazzo.
Come per l’abito da sposa date un’occhiata a siti e riviste – di seguito trovate qualche esempio – per farvi un’idea e poi consultate il fiorista per trovare la soluzione che fa per voi.

Chi porta il bouquet alla sposa

Tradizione vuole che sia lo sposo a consegnare il bouquet alla sposa. Nella pratica questa tradizione viene declinata in modo differente a seconda della comodità e delle usanze del luogo: lo sposo può attendere la sposa all’ingresso della chiesa e consegnarle il bouquet, prima di entrare egli stesso in chiesa, seguito qualche minuto dopo dalla sposa oppure può far recapitare a casa della sposa il bouquet direttamente dal fiorista o in una versione più personale dalla madre nonchè futura suocera o comunque da qualcuno della famiglia.
A voi la scelta più comoda…

Cosa vuole la tradizione

La tradizione vuole che la sposa porti con se il giorno del matrimonio 5 cose:

  • una cosa prestata: ad indicare l ‘affetto delle persone care che rimangono vicine in questo passaggio dal vecchio al nuovo.
  • una cosa regalata: a ricordare il bene delle persone care.
  • una cosa blu: anticamente il colore blu era il colore che simboleggiava la purezza ed era il colore dell’abito della sposa.
  • una cosa vecchia: che simboleggia la vita che si lascia alle spalle e l’importanza del passato che non deve essere dimenticato.
  • una cosa nuova: che simboleggia la nuova vita che sta per iniziare.