In Casa

Se avete la fortuna di avere una casa che si presta come location: USATELA!

Si tratta infatti di un’opportunità irrinunciabile per un matrimonio davvero unico o quantomeno simile a pochi – se altri parenti dovessero averne già usufruito.

Pro e contro di una casa propria/di famiglia

Prima di considerare come definitiva una scelta del genere, onde evitare di dover cambiare in corso d’opera, valutate bene gli spazi e le strutture di disponibili.
Dal parcheggio, agli spazi coperti, dalla disponibilità di appoggio per il catering, all’eventualità di dover prevedere un generatore.
Una casa privata potrebbe infatti richiedervi degli accorgimenti che comportano anch’essi costi e problemi da valutare in modo consapevole fin dall’inizio.

Una lista di massima

Tra i principali punti da considerare segnaliamo:

> Spazi coperti, in caso di pioggia. Visto che ormai “non ci sono più le stagioni” e a luglio potrebbe piovere tanto quanto a marzo, potrebbe rendersi necessario l’affitto di una tensostruttura. Le tensostrutture hanno un costo elevato che va dai 2.000 ai 10.000 euro per una metratura che possa ospitare 200 invitati circa. Ovviamente il costo tenderà alla fascia alta in caso di terreni non pianeggianti, scelta di una struttura che sembri più naturale e di maggiore qualità, spazi da coprire etc..
> Spazi di appoggio per il catering: verificate con i catering che state selezionando gli spazi da loro richiesti: posto per i frigoriferi, un generatore, le cucine, spazi di appoggio per i  piatti etc..
> Luci ed arredamenti aggiuntivi: oltre ai tavoli, di cui si occupa solitamente il catering, le luci e i classici arredamenti da appoggio (sia interni che esterni) possono risultare insufficienti in occasione di un ricevimento.
> Parcheggio macchine o navetta se non è presente un parcheggio sufficientemente ampio nelle vicinanze.
> Servizi igienici in numero sufficiente e facilmente raggiungibili.
> Possibilità di prevedere della musica senza arrecare disturbo ai vicini.

Tutti questi servizi sono normalmente già considerati in una location ad hoc, ma non sempre ci vengono in mente quando decidiamo di organizzare una festa a “casa nostra”.

Un cocktail per gli amici di famiglia

Qualora abbiate un numero di invitati molto elevato, composto da una buona parte dei cosiddetti “amici di famiglia” potete sempre optare per la doppia festa, ovvero una serata da farsi qualche tempo prima del matrimonio.
In occasione del matrimonio e del successivo ricevimento inviterete gli amici più stretti, mentre qualche tempo  prima organizzerete un cocktail, un aperitivo o un rinfresco per tutti gli altri. In questo modo voi stessi avrete più tempo per dedicare a tutti le giuste attenzioni.
La stessa scelta può essere fatta qualora vi foste innamorati di una location che non può ospitare tutti i potenziali invitati.