Wedding Planner e gli Sposi


Se avete optato per l’idea Wedding Planner, ci teniamo a darvi qualche consiglio perchè dalla vostra collaborazione nasca il “Matrimonio che vorrei”

Un bravo wedding planner è in grado di capire che cosa avete in mente (spesso con troppa confusione!), ascoltare le vostre esigenze e proporre una serie di soluzioni che rispondano alle linee guida che avete fornito.

Ecco i punti chiave da tenere in considerazione.

Wedding planner sì o no?

Se siete ancora in questa fase, andate alla pagina dedicata: Wedding planner sì o no? Ci sono tutti i nostri consigli per aiutarvi a prendere la decisione più giusta per voi.

Come scegliere il wedding planner?

Così come per gli altri fornitori, fatevi consigliare da amici o da altri fornitori che avete già contattato oppure provate in internet, ci sono tantissimi indirizzi e commenti. Una volta selezionati due o tre possibili wedding planner, fissate un appuntamento per incontrarvi di persona.
Scegliete a sensazione, a pelle: fin da subito deve esserci un buon feeling!
L’incontro vi permetterà anche di capire se avere un wedding planner fa o non fa per voi.

Linee guida chiare: budget e aspettative

E’ importante condividere in modo chiaro e trasparente con il wedding planner tutte le vostre aspettative, dal numero di invitati al budget di spesa, in modo che possa farvi delle proposte coerenti, senza farvi perdere tempo.
Sarà il wedding planner stesso, durante il primo incontro, a darvi le prime informazioni di base: ad esempio potrà chiarirvi se il numero di invitati e il budget ipotizzato sono realistici, così come darvi un’idea di pro e contro sulla scelta della location (lago, città, campagna…).

Come affrontare insieme l’iter organizzativo

Odiamo ripeterci, ma è importante essere trasparenti e condividere con il wedding planner tutti gli step organizzativi e le idee per il vostro matrimonio.
Sarà poi suo compito farvi delle proposte e consigliarvi nelle scelte.
L’obiettivo è quello di trovare un giusto mix tra la capacità di rinunciare a un capriccio, se il wedding planner lo ritiene poco realizzabile, e quella di mantenere la vostra personalità nell’organizzazione del matrimonio. Solo voi potete aiutare il wedding planner ad esservi utile nel migliore dei modi.
Insomma, affidategli la logistica e gli aspetti puramente più pratici – come gli appuntamenti negli atelier e le proposte di location e catering – e concentratevi su idee e dettagli, che possano lasciare la vostra impronta.

Il suo ruolo il grande giorno

Avere un wedding planner è una grande vantaggio anche per il giorno della cerimonia.
Si occuperà di tutti i particolari: dal posizionamento dei libretti in chiesa alla distribuzione del riso agli invitati, dal timing del ricevimento ad eventuali problematiche per caldo o freddo, etc.
Per il wedding planner sarà tutta routine di lavoro, mentre voi quel giorno avrete poco tempo e poca testa.